Stefania Rizzo

 

Stefania Rizzo vive in un piccolo paesino nebroideo ancorato da tante tradizioni culturali e popolari; da qui nasce e coltiva l’importanza di diffondere, soprattutto alle nuove generazioni, il senso della cultura e della lingua siciliana; dopo aver studiato e laureatasi alla Facoltà di Scienze dell’educazione e formazione, (ME) oltre che impegnarsi per diventare una buona insegnante, mette al centro di tutto l’esperienza: dedicandosi a lavorare presso centri estivi con bambini, all’assistenza di disabili e anziani, convinta che il lavoro e l’attenzione verso i più piccoli e di chi ha maggiormente bisogno di attenzioni, sia anche un modo non solo di rispondere alle necessità concrete di una persona, ma anche un bagaglio prezioso di arricchimento culturale, oltre che di insegnamento e diffusione di quest’ultima.

Di animo sognante e amante delle cose semplici e vere capì che il rifugio verso la poesia era un modo per esprimere al meglio le sensazioni dell’animo e di espressione; ma solo dopo aver frequentato un corso di Lingua e cultura Siciliana organizzato e presieduto dal caro e stimato maestro Li Voti, maestro e cultore di lingua siciliana, iniziò quasi per caso a diffondere e perfezionare le sue poesie, sia in vernacolo che in italiano, iniziando così anche a partecipare ai primi raduni di poesia come pure presso alcuni concorsi organizzati in provincia di Messina.

Attualmente è socio ordinario all’A.S.A.S. di Messina dove spera di collaborare e contribuire nel suo piccolo per diffondere nelle nuove generazioni le tradizioni culturali popolari e della lingua siciliana.

 

 

 

OLTRE L'ORIZZONTE

 

Sdraiata e distesa

 

Osservo l’infinito.

 

Cerco di afferrarlo

 

E per un attimo mi

 

Illudo di riuscirci,

 

quasi come, fossi

 

in un quadro, senza la cornice,

 

dalle linee, incerte e distese.

 

Mi piace udire il silenzio,

 

e diventarne con essa un tutt’uno,

 

quasi come  ad avvolgermi

 

e scivolare nell’infinito,

 

oltre ogni orizzonte.

 

 

SICILIA BEDDA

 

 

Ntra la crisi da cultura

 

Nuatri, semu pirvinuti,

 

pi fari essiri a tutti

 

li siciliani cunfunnuti.

 

 

 

Ma di nostri origgini,

 

nun n’avemu a scurdari,

 

pirchi d’iddi suli,

 

a nostra vita l’avemu a radicari.

 

 

 

Li tanti vizi d’u nostru tempu

 

Ni ponnu puru influinzari,

 

ma da nostra cultura,

 

nun n’avemu a scansari.

 

 

 

L’unità  di la lingua dialittali,

 

avemu luduviri d’annunciari,

 

pirchi rima ,a tutti li tò splinnuri t’avemu a dari,

 

e cu piaciri, sempri decantari.

 

 

 

La crisi du nostru tempu,

 

sulu nù ricordu n’ava a ristari,

 

pirchi da to cultura,

 

tutti niautri l’esempiu avemu a pigghiari.

 

 

 

Sicilia nostra, Sicilia bedda,

 

lu profumu di l’aranci,

 

lu caluri di lu suli,

 

ni regalunu, sempri surrisi e scijuri.

 

 

 

E a storia, da nostra Sicilia è accussi granni,

 

chi pi putiriti cuntari,

 

sulu sta puisia nun’ poti mai bastari.

 

 

 

E  allura accussi  ti  vogghjiu  salutari:

 

“di Muncibeddu tutti li figghi semu”

 

Recita na canzuna, e didda sempri, n’avemu a fari la patruna.