Francesco Ferrante, palermitano, vive e lavora a Terrasini ed è socio ordinario Asas (t. n. 184).
Autodidatta, ma di attenta preparazione letteraria, scrive in italiano e in siciliano.
Impegnato nel volontariato ha collaborato con varie associazioni che si occupano di difesa dei diritti umani.
Nel 2002 ha partecipato, con l’Associazione culturale Hakuna Matata, ad un campo lavoro nel villaggio di Migoli, nel cuore della Tanzania.
Ha pubblicato i libri di poesia:
- Poesia: specchio dell’anima;

- Pupi e pupari;
- Fuoco nelle mani;
- Il sud del mondo;
- Il sole non dimentica alcun villaggio;
- Nto jardinu di l’amuri.

- Sonnira e pinsera d’un pueta senza scola.
Nel 2008 la casa editrice Montedit pubblica, col contributo de “Il Club degli Autori” alcuni suoi racconti, “Cronache di attori di un teatro distratto”, opera finalista del premio letterario J. Prevert.
Alcune sue liriche sono inserite in prestigiose antologie di poesia contemporanea e riviste letterarie. Ha conseguito numerosi premi e riconoscimenti.

 

 

ASPITTANNU COLAPISCI

 

Comu quannu

nta ddu tempu

Colapisci

‘n funnu ô mari

surreggi dda culonna

ca ciàccata

si sta rumpennu

e 'sta terra

si iddu molla

sprufunna nta l'abbissu

mentri ‘a genti di Sicilia

sta a spiranza

da so' forza

senza moviri 'na manu

preja, chianci, si dispera

e accussì tira a campari...

Puru ora

milli e mill'anni doppu

la storia si ripeti

e nun cància

mai spartitu

e 'i siciliani

stannu fermi

rummuliannu nta ‘n agnuni

sapennu ca c'è sempri

quarcùnu

mossu p'amuri o cumpassioni

ca si carica lu pisu

di 'na culonna

menza rutta

ca nta 'sta terra dispirata

si nni trovanu nta ogni antu.

Accussì

cu nun capisci

chi ci fannu

tutti dd'omini assittati

mentri l'isula sprufunna,

ora sapi

ca sunnu ddà

cu’ cori tristi e afflittu

ca ripetinu lu lamentu

aspittannu Colapisci.

 

ASPETTANDO COLAPESCE

 

Come quando / in quel tempo / Colapesce / in fondo al mare / sorregge quella colonna / che fratturata / si sta rompendo / e questa terra / se lui molla / sprofonda nell’abisso / mentre

la gente di Sicilia sta in speranza / della sua forza / senza muovere una mano

/ piange, prega, si dispera / e così tira a campare… / Pure ora / mille e mille

anni dopo / la storia si ripete / e non cambia mai spartito / e i siciliani /

stanno fermi / lamentandosi in un angolo / sapendo che c’è sempre / qualcuno /

mosso per amore o compassione / che si carica il peso / di una colonna / mezza

rotta / che in questa terra disperata / se ne trovano in ogni anfratto / Così / chi non capisce /

che ci fanno / tutti quegli uomini seduti / mentre l’isola sprofonda / ora sa /

che sono lì / con cuore triste e afflitto / ripetendo il lamento / aspettando

Colapesce.

 

 

 

 

SI’ LA VITA SI PUTISSI ARRIMUNNARI

 

Si’la vita si putissi arrimunnàri

tagghiassi ramagghia di rancuri,

rami sicchi ca nun ponnu fruttari,

tutti li spini chi dannu duluri.

 

Si’ la vita si putissi arrimunnàri

mi facissi spèrtu arrimunnàturi,

passassi li jorna a travagghiari,

divintassi paladinu ‘n cerca d’amuri.

 

Li me’ armi fussiru forficia e sirraculu

e la me’ vita facissi agghiurnari,

lu suli nun truvassi cchiù ostaculu

e la me’ arma si putissi quadiari.

 

Poi a ogni omu ‘nsignassi ‘st’arti

dicennu comu e quali

rami tagghiari

e di ‘stu arvulu ogni singula parti

spiegassi li frutti chi po’ dari.

 

Ma la vita, no, nun si po’ arrimunnàri

e lu cori accussì resta ‘nfrascatu,

a ogni passu c’è scantu d’affunnari,

a un filu resti comu ‘mpinnuliatu.

 

L’omu è seggia a tri gammi!

Senza l’aiutu di Diu, Patri amurusu,

manca sempri ‘na cosa p’esseri granni

semu pilligrini persi nto bagghiu scurusu.

 

 

SE LA VITA SI POTESSE POTARE

 

Se la vita si potesse potare / taglierei frasche di rancore, / rami secchi che non possono fruttare, / tutte le spine che danno dolore. / Se la vita si potesse potare / mi farei esperto potatore, / passerei i giorni a lavorare, / diventerei paladino in cerca di amore. / Le mie armi sarebbero forbici e seghetto / e la mia vita farei rinnovare, / il sole non troverebbe più ostacolo / e la mia anima si potrebbe scaldare. / Poi ad ogni uomo insegnerei quest’arte / dicendo come e quali rami

tagliare / e di questo “albero” ogni singola parte / spiegherei i frutti che può dare. / Ma la vita, no, non si può potare / e il cuore così resta infrascato, / ad ogni passo c’è la paura di affondare, / ad un filo resti come appeso. / L’uomo è sedia a tre gambe! / Senza l’aiuto di Dio, Padre amoroso, / manca sempre una cosa per essere grandi / siamo pellegrini persi in un cortile oscuro.

 

 

 

 

 

LI DONI CCHIU’ PRIZZIUSI

 

Di tutti li cosi ca Diu

ni vosi dunari

nun cuntanu putiri

pristigiu o dinari…

 

Cunta sulu l’amuri

ca ‘u cori sapi dari,

cunta la spiranza, l’amicizia,

lu suli misu ‘n celu pi quadiari.

 

Cunta la manu

c’aiuta lu sfardatu

e d’ogni sorrisu, d’ogni carizza,

lu ciauru dilicatu.

 

Nun servi gloria e onuri

pi esseri un grand’omu,

San Franciscu fu puvireddu

m’ammuntuatu è lu so’ nnomu…

 

Servi inveci pacenzia

e supratuttu umiltà,

servinu spaddi forti

pi praticari carità.

 

Di li cosi ca Diu

mi vosi dunari

a mia piaci ‘sta terra

accarizzata di lu mari…

 

Mi piaci l’alligria,

nta li campi li gigghi,

la luna a quintadecima,

lu sorrisu di me’ figghi.

 

Nta li cosi ca Diu mi vosi dunari

c’è ‘sta smania di scriviri puisia

‘sta vogghia senza frenu

di cundividiri ‘sta magia

 

I DONI PIU' PREZIOSI

 

Di tutte le cose che Dio / ci ha

voluto donare / non contano potere / prestigio o denaro… / Conta solo l’amore /

che il cuore sa’ dare, / conta la speranza, / l’amicizia, / il sole messo in

cielo per scaldare. / Conta la mano / che aiuta il mendicante / e d’ogni

sorriso, d’ogni carezza, / il profumo delicato. / Non serve gloria e onore /

per essere un grand’uomo, / San Francesco fu poverello / ma menzionato è il suo

nome… / Serve invece pazienza / e soprattutto umiltà, / servono spalle forti /

per praticare carità. / Delle cose che Dio / mi ha voluto donare / a me piace

questa terra / accarezzata dal mare… / Mi piace l’allegria, / nei campi i

gigli, / la luna al plenilunio, / il sorriso dei miei figli. / Tra le cose che

Dio m’ha voluto donare / c’è questa smania di scrivere poesia / questa voglia

senza freno / di condividere questa magia.