Gianni Di Giorgio è nato nel 1955 a Modica, città barocca tra i monti iblei della Sicilia sud-orientale. Dopo aver conseguito il diploma di geometra, ha lavorato per un trentennio in una società di telecomunicazioni. Appassionato di volo, e reduce da un grave incidente aereo, nel 2010 ha scritto in dialetto siciliano la sua prima poesia dal titolo “Vulari” (Volare) a cui hanno fatto seguito altre composizioni sia in dialetto che in lingua. 

Molte sue  poesie hanno ricevuto consensi e riconoscimenti in prestigiosi concorsi, sia in ambito regionale che nazionale e risultano inserite in numerose antologie. Dal febbraio 2011 è entrato a far parte dell'A.S.A.S. di Messina e dal 2012  del “Caffè Letterario S. Quasimodo” di Modica.

 

 

 

 

Vicini al fiordo

 

 

 

Fiume scorre

 

tra rasenti schizzi

 

d’un intriderti la pelle…

 

fioriscono timori.

 

è notte!

 

non vedi le sue acque

 

nel suo repente andare;

 

disordine

 

di scuro luccichio.

 

Solo senti

 

del fluire

 

il suo fragore.

 

Chiudo gli occhi…

 

ecco! ora vedo

 

l’implacabile suo corso,

 

gl’insidiosi inganni:

 

vortica

 

graffia le sue sponde

 

casca dalla balza,

 

mai s’arrende!

 

In preda al panico

 

vorrei il tempo legare,

 

mutare la sua corsa;

 

s’arresterà stanotte?

 

Vicini al fiordo,

 

prossimi gli abissi

 

ed infinita quiete.

 

Attesa l’alba;

 

sopravvissuti!

 

 

 

 

Strati senza sboccu

Percurru strati senza fini e sboccu
nun sentu chiù lu cori, nun mi batti
mi sfiura la vintura e nun la toccu
muntagni vidu ‘i sula rina fatti.

Mi fermu a chiacchiariari cu li unni,
cu iddi propia lu vulissi fari,
quarcuna ‘scuta e mancu mi rispunni
autri ‘i luntanu attaccunu a vuciari.

C’è chidda ca spirari ti fa tantu,
eppuru si la cerchi nun la trovi,
quarch’autra, ca ti metti sulu scantu,
ancontra la risacca e nun si movi.

Vulissi ritruvari ‘ddu puntili
e stari cu lu mari ‘n cunfidenza,
comu dui vecchi, a l’umbra di ‘n curtili,
si cuntunu ‘n silenziu ‘a so spirienza.

Scurrunu l’uri, lestu ‘u tempu passa,
un forti ventu tira di livanti,
lu mari chiù accustari nun si lassa;
ora lu cori sentu diliranti!

A l’impruvvisu, mancu veru pari,
n’ si senti chiù di l’unni la vuciata,
s‘ammanza la maretta e puoi parrari…
m’addunu ca finuta è la jurnata!

 

 

 

 

Lagrime vermiglie

 

 

 

Si desta con il canto la mattina

 

di zoccolio assonnato su sterrato,

 

un tonfo giù nel pozzo

 

e radi bianchi cirri da l’oriente.

 

Coppa di ghiaccio fuso tra le mani.

 

 

 

Di un pianoforte, sempre più scordato,

 

ritmo stonato lacera la mente;

 

il solito frinire,

 

il solito picchiar di turpi note;

 

rimbalzi di insoffribili cru cru.

 

 

 

E guardo ancora da lontano il mare,

 

quell’onda che non è mai stata onda,

 

la barca per salpare

 

e lo scoglio che scoglio mai lo fu.

 

Da dove sia partito non lo so!

 

 

 

Mi resta solo il verde degli ulivi,

 

della montagna lagrime vermiglie,

 

il giallo delle spighe

 

e dei cipressi il nero all’imbrunire.

 

 

 

 

Ventu ‘nfami

 

 

 

Li notti ca nun dormu sunu tanti,

 

di quannu ‘sta timpesta ‘n vo’ passari

 

e tantu tira fermu lu livanti

 

ca veni forti puru a rispirari.

 

 

 

Tagghia la facci ‘st’unna di jlata

 

mentri la menti çerca nu riparu.

 

‘Na varca cridi d’essiri affunnata

 

e ‘n vidi mancu ‘a luçi di lu faru.

 

 

 

Ancòra mi pirsequita ‘stu ventu,

 

ca finu a funnu affrigna li me carni

 

e la finestra chiudi a lu turmentu…

 

ntô cori scava e lassa sulu affanni.

 

 

 

Ritornu chiù nun vidu di ‘stu munnu

 

e varu nun si scropi nti ‘sta strata

 

ma ‘n angilu mi dici nta lu sonnu,

 

ca doppu ‘a notti, arriva la jurnata.

 

 

 

 

Sfiorare con le dita

 

 

 

C’è un panno liso steso ad asciugare,

 

la luna accesa e spenta all’infinito;

 

c’è un chiodo già ricurvo e rugginito,

 

e reti sulla barca da sbrogliare.

 

Un vecchio sogna solo il suo passato

 

e lagrima con rughe mascherato.

 

 

 

C’è un ape che svolazza lì vicino

 

e un corvo con il suo canto gracchiato;

 

c’è un piatto troppe volte ormai sbeccato,

 

la blatta che s’intana nel camino.

 

C’è un giovane che vede dalle onde

 

il vento quando è oltre l’orizzonte.

 

Non voglio più vedere il chiodo curvo!

 

non voglio più guardare vento e mare

 

né blatte né camini da fissare,

 

neppure più sognare l’ape e il corvo…

 

Vorrei solo sfiorare con le dita

 

un tuono dalla quiete sua infinita.

 

 

 

 

Mare e nembi

 

 

 

Silenzi inquieti, spuma l’onda,

 

e gemiti e speri e lagrime e desìo.

 

A l’orizzonte luce d’infinita luce

 

su tenebre d’abissi, tra rivoli di sale.

 

Fradicio fasciame, asta rugginita,

 

cadùco l’affondare

 

o mai trovar la vita.

 

 

 

Cobalto da uno squarcio

 

al cor tremulo e pur vermiglio,

 

sì, d’affanno tace,

 

di ragion dispera.

 

 

 

Imbarda, rollìa, dondola

 

e l’anima sprofonda

 

in brune secche membra.

 

 

 

Dal fondo,

 

lontano, emerge un canto!

 

altro canto gli risponde,

 

poi ancora, ancora altri,

 

ancora altri e altri ancora;

 

la luna resta ferma, sente

 

e dietro un cirro si nasconde.

 

 

 

Scogli, rena, terra.

 

Oh, terra!...

 

Lontano da quel mare

 

riprendi a navigare.